• Didattica

    Didattica

    Documenti utili per la didattica degli insegnanti di religione
    Read More
  • Normativa

    Normativa

    Norme statali vigenti di riferimento per l'acquisizione dell'idoneità all'insegnamento della Religione Cattolica
    Read More
  • News

    News

    Notizie ed eventi dell'Ufficio IRC e pastorale scolastica dell'Arcidiocesi di Pesaro
    Read More
Image
normativa
normativa

News

Contatti e informazioni utili

Ufficio IRC e Pastorale Scolastica
Via Rossini, 62 - 61121 Pesaro
Tel. 0721 30043 - fax 0721 32442
e-mail: scuola@arcidiocesipesaro.it - pec: ufficioirc@pec.it

ORDINARIO DIOCESANO
S.E.R. Mons. Piero Coccia

DIRETTORE
Prof. Franco Marini
Tel. cellulare 328 4144798
e-mail: francomarini_it@yahoo.it - franco.marini@uniurb.it
Riceve il lunedì - mercoledì - venerdì su appuntamento

Dove siamo:

Finalità dell'IRC

Il servizio per l'insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C) si prende cura di tale insegnamento presso tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio dell'arcidiocesi di Pesaro, ad esclusione dell'Università.

In particolare, coerentemente con le indicazioni della CEI ha i seguenti compiti:

  1. Assegnare alle scuole, gli insegnanti di religione preventivamente ritenuti idonei; questa idoneità sarà valutata in base alle indicazioni degli art. 804/805 del Codice di diritto canonico;
  2. Sostenere, accompagnare, aiutare e verificare gli stessi nello svolgimento del loro compito scolastico, per quanto di competenza ecclesiastica;
  3. Curare la loro formazione permanente, direttamente o indirettamente, anche collaborando con le istituzioni accademiche, con le associazioni professionali ed altri enti specifici operanti in Diocesi o al di fuori della Diocesi;
  4. Revocare l'idoneità agli insegnanti nei casi e nelle forme previste dalle norme ecclesiastiche, con provvedimento a firma del Responsabile in qualità di delegato dell’Ordinario (cfr. can. 805 e delibera CEI n. 41).

L'Insegnamento della Religione Cattolica è una disciplina scolastica a tutti gli effetti. Non è mossa da finalità catechistiche, ma si qualifica come proposta culturale offerta a tutti, credenti e non.

In tal senso, pur essendo indirizzata in particolare ai credenti, si propone come insegnamento che va oltre le personali scelte di fede, essendo prioritaria la sua vocazione culturale: decidere di avvalersi dell'Insegnamento della Religione Cattolica per un ragazzo non significa dichiararsi cattolico, ma piuttosto scegliere una disciplina scolastica che si ritiene abbia un valore per la crescita della persona e la comprensione della realtà in cui siamo inseriti.